E…state a Dubai: cosa fare quando il caldo si fa torrido

 

A Dubai, d’estate fa caldo, tanto caldo.

Fa caldo al punto che, si dice, qui ci siano solo due stagioni: estate e inferno.

Fino ad ora, però, ad essere del tutto sinceri, quest’anno siamo stati piuttosto fortunati: è quasi metà giugno e le temperature, fino ad ora, sono tutto sommato più che clementi: la mattina e la sera si passeggia piacevolmente e l’acqua del mare, soprattutto al mattino, è gradevole e rinfrescante (non si è ancora trasformata nel brodo bollente stile stabilimento termale).

Le previsioni meteo, però, non lasciano spazio a grandi dubbi: i famigerati 48- 50 gradi arriveranno presto.

E se è vero che siamo solo a quattro settimane dalla fine delle scuole che, per i più fortunati, significa “partire per le vacanze”, è altrettanto vero che saranno tantissimi i residenti che, come ogni anno, trascorreranno qui tutta o gran parte dell’estate.

Gli emiratini di un tempo (anche se chiamarli “emiratini” non sarebbe corretto, visto che stiamo parlando di un’epoca antecedente al 1971, anno in cui il Paese si è unificato e ha preso il nome di Emirati Arabi Uniti), in questo periodo dell’anno, partivano, a dorso di dromedario, per l’Al Maqidt, parola che significa “parte più calda dell’estate” e che si riferisce al viaggio estivo per eccellenza.

Le zone costiere venivano dunque abbandonate in favore delle montagne di Ras Al Khaimah e Fujairah o dell’oasi di Al Ain, dove il clima più mite, la frutta fresca e l’acqua di sorgente rendevano la stagione più gestibile.

Oggi, al posto delle bait al arish, le capanne fatte di foglie di palma, che ogni anno venivano costruite per questa “villeggiatura”, abbiamo hotel a cinque stelle; al posto delle “torri del vento” l’aria condizionata in ogni edificio; al posto dei cammelli, le automobili e mezzi pubblici condizionati anch’essi; al posto delle oasi nel deserto, le piscine raffreddate, parchi acquatici e attività al chiuso di ogni sorta.

Va da sé che l’estate a Dubai non solo non è più così improponibile, ma può riservare delle piacevolissime sorprese.

Prezzi incredibilmente scontati nei resort più esclusivi, che consentono di regalarsi vacanze, week end e staycation di lusso a costi, per una volta, abbordabili.

Non solo: come ci spiega Michela Spugnini, guida turistica certificata ed esperta della Destinazione, in alcune catene alberghiere come Jumeirah e The Address, è possibile sfruttare il servizio di mezza pensione in tutti i ristoranti della catena, avendo così a disposizione più di 40 ristoranti in luoghi sempre diversi e tutti prestigiosi.

Tantissime, poi, le strutture che offrono ulteriori sconti per i residenti: durante questo periodo, infatti, i parchi divertimento, i beach club e le piscine di moltissimi hotel hanno offerte speciali dedicate a chi resta qui durante l’estate.

“D’estate la città si svuota – sottolinea Michela Spugnini – ed è finalmente possibile goderla senza traffico e confusione, senza dover prenotare con largo anticipo attrazioni e ristoranti e approfittando al contempo del Dubai Summer Surprises, un lungo periodo di saldi “veri” che quest’anno inizierà il primo luglio e terminerà il 4 settembre”.

“Cosa assolutamente non ci si deve perdere? Gli spettacoli de “La Perle” (Al Habtoor), “Infinity des lumières” (Dubai Mall) e “Toda” (Theatre of Digital Arts, Madinat Jumeirah), – continua Spugnini – il Museo del Futuro, ovviamente, adesso che, per prenotare, i tempi di attesa finalmente si accorceranno notevolmente, e le gallerie d’arte di DIFC e Alserkal Avenue”.

Chi vuole combinare divertimento e shopping combattendo il caldo al massimo può optare per la famosa pista da sci del Mall of the Emirates o per l’altrettanto famosa pista da pattinaggio sul ghiaccio del Dubai Mall.

Inoltre, il centro commerciale più grande del mondo ospita anche un grande acquario con zoo marino e l’imperdibile Kidzania (il divertente parco educativo per i più piccoli); il Mall of The Emirates propone un’esperienza immersiva di realtà virtuale e il nuovissimo Dubai Hills Mall offre montagne russe adrenaliniche.

Gli amanti del golf possono esercitarsi al fresco di Top Golf e quelli della subacquea non solo hanno la possibilità di immergersi nei grandi acquari del Dubai Mall e dell’Atlantis, ma possono cimentarsi con l’esperienza da record dei primati di “Deep Dive”, la piscina più profonda del mondo, che nasconde, nei suoi 60 metri di profondità, una serie di diversi mondi sommersi da scoprire.

Tantissime anche le attività educative per i bambini, basti citare quelle che si svolgeranno dal primo luglio al 28 agosto al Dubai World Trade Centre.

“Intorno al 9 luglio, poi – sottolinea ancora Michela Spugnini – verrà celebrata anche l’Eid Al Adha (che ricorda il momento in cui Abramo era pronto a sacrificare la vita di suo figlio Ismaele a Dio, n.d.r.), importante momento di festa nel Paese, e non dimentichiamo che sta arrivando la Guida Michelin dei ristoranti di Dubai: chi ama la cucina stellata potrà approfittarne prima che diventi difficile trovare posto”.

Insomma, se deciderete (o sarete costretti) a dare una chance a Dubai nei mesi più torridi dell’anno, come ci sentiremmo ricordare da ogni TG e giornale del BelPaese che si rispetti, “ricordate la protezione solare, non esponetevi al sole durante le ore più calde e bevete almeno due litri di acqua al giorno.

Da Dubai (per ora) è tutto, a voi la linea”.

NB: questo articolo NON È SPONSORIZZATO e tutti i luoghi, gli hotel, le attrazioni non sono stati citati per un vantaggio o pubblicità occulta.

Condividi quest articolo: