CINQUE CONSIGLI PER SCEGLIERE SCUOLA A DUBAI

Come genitori, cerchiamo sempre di fare la scelta giusta per i nostri figli, in particolare quando si tratta di scuola e educazione.

Tuttavia, può risultare difficile scegliere tra le varie opzioni disponibili, soprattutto se ci troviamo all’estero e l’offerta formativa è molto vasta.

Negli Emirati Arabi Uniti è presente un numero elevatissimo di scuole: a Dubai, per esempio, ci sono 210 strutture private, mentre ad Abu Dhabi 205.

Per andare incontro alle esigenze dei genitori che vivono a Dubai, abbiamo deciso di dare alcuni consigli per selezionare la scuola migliore per il proprio figlio.

 

  1. CONTROLLARE IL SITO DELLA KHDA

Ancora prima di valutare ogni singolo istituto, possiamo esaminare le statistiche presenti nel sito della KHDA.

La KHDA (Knowledge and Human Development Authority) è l’autorità educativa di Dubai che fornisce le valutazioni annuali – che vanno da “Weak” (Debole) a “Outstanding” (Eccezionale) – di ogni scuola presente sul territorio.

Esse tengono conto di tutto, dalle strutture al rendimento degli studenti, dalla qualità dell’insegnamento ai costi da sostenere, e sono generalmente accettate come il migliore punto di riferimento relativo alla qualità di una scuola.

Tuttavia, non dobbiamo mai dimenticarci che le nostre priorità nella selezione della scuola non devono necessariamente combaciare con i metodi di classificazioni utilizzati dalla KHDA.

 

  1. CONFRONTARSI CON GLI ALTRI GENITORI

Oltre a consultare il sito della KHDA, possiamo confrontarci con i genitori che hanno già affrontato la nostra stessa situazione.

Possiamo chiedere ai nostri conoscenti, oppure possiamo affidarci ai social network.

Come afferma Shannon Holden, direttore delle tasse scolastiche e del servizio di consulenza educativa Bonas Macfarlane,

“Spesso i social network informali dei gruppi di genitori sono più rivelatori delle statistiche rigide.

[…] Se la scuola può fornire più metriche – come le valutazioni e i rapporti della KHDA – allora è un buon segno, però vorrei anche sapere se possiede una rete di genitori a cui poter attingere, così da avere una prospettiva genuina sulla scuola”.

Esistono numerosi gruppi online e social network che ci consentono di raccogliere tutte le informazioni che vogliamo sulle tariffe e, più in generale, sulle proprietà di ogni istituto.

 

  1. ABBINARE I CURRICULA

Ovviamente, è premura di ogni genitore garantire che il proprio figlio si inserisca nel sistema scolastico emiratino senza troppi problemi, soprattutto se proviene da una realtà molto diversa, come quella italiana.

Ed è qui che entra in gioco il curriculum della scuola.

Negli Emirati Arabi Uniti sono disponibili 17 curricula differenti: il più popolare è quello britannico, seguito poi da quello indiano (CBSE), dall‘International Baccalaureate (IB) e dal curriculum statunitense.

Sebbene sembri un numero enorme, la maggior parte dei genitori tende a scegliere il curriculum più simile a quello che viene offerto nel proprio Paese d’origine, anche per non spaesare troppo il proprio bambino.

 

  1. ESAMINARE I METODI UTILIZZATI

Quando i bambini sono molto piccoli, è difficile determinare quale area di apprendimento sarà di loro interesse nel futuro.

Tuttavia, possiamo sempre prediligere una struttura che combini l’educazione al gioco, in modo che possa sviluppare tutte le sue potenzialità:

“Adesso stai cercando un posto che sia giusto per il tuo bambino, e questo dovrebbe essere il tuo focus”, afferma Joanne Jewell, fondatrice di Mindful Parenting, e continua: “Io cercherei sicuramente una scuola con delle buone aree gioco e delle strutture per il gioco all’aperto. […].

L’area giochi ha le biciclette?

Ha delle cose su cui i bambini possono giocare e arrampicarsi? E se sì, quanto tempo viene trascorso in quelle zone? Non vuoi che i bambini passino troppo tempo seduti sulle loro sedie a quest’età. E ovviamente la cosa più importante è visitare la scuola”.

 

  1. PRENOTARE UN TOUR… E SEGUIRE L’ISTINTO

Dopo aver controllato le varie valutazioni e parlato con amici e genitori, possiamo visitare le scuole che preferiamo. La maggior parte delle scuole organizza dei tour guidati che possono essere prenotati durante tutto l’anno scolastico.

Il fatto di vedere e “vivere” la scuola non solo può chiarirci maggiormente le idee, ma può regalarci anche delle sensazioni che delle foto digitali non sono in grado di darci.

“Fidati delle sensazioni che provi quando visiti una scuola. Ti sembra quella giusta? Riesci a vedere tuo figlio lì? Questa è la scelta tua e di tuo figlio, ogni bambino è diverso. È una decisione molto personale.”, sottolinea Fiona McKenzie, direttrice della consulenza educativa Gabbitas.

Oltre alle visite guidate, possiamo richiedere anche un tour personalizzato del luogo dopo l’orario di insegnamento o il sabato.

 

E ricordiamo che, se dovessimo scegliere la scuola sbagliata, non dovremmo disperarci, perché faremmo sempre in tempo a cambiarla:

“Quando si tratta di scegliere una scuola devi concentrarti sul soddisfare le esigenze di tuo figlio in questo preciso momento.  […] E se, tra qualche anno, la scuola non sarà più adatta a tuo figlio, potrai sempre considerare di trasferirlo. […] Prendi la decisione giusta per ora.”, afferma Jewell.

 

Detto questo, non ci resta che metterci al lavoro!

Condividi quest articolo: